27 Luglio 2021
[]
[]
news
percorso: Home > news > News Generiche

TARGA FLORIO POSSIBILE SCIOLIMENTO DELL'ACI PALERMO

22-03-2021 18:00 - News Generiche


" A CURSA " La Targa Florio non ha pace e sarebbe di nuovo a rischio. Persino l’ormai prossima edizione del rally, in programma nel primo fine settimana di maggio, potrebbe “saltare”. Questa è però un ipotesi fortunatamente remota perchè mancano solo 50 giorni al “via” della 105° edizione. Un tempo breve, oggettivamente, perchè possano concretizzarsi i provvedimenti che incombono sul sodalizio di Via delle Alpi. Ma potrebbe accadere!
L’ACI prossimo a proporre lo scioglimento di AC Palermo
L’Automobile Club Palermo potrebbe essere prossimo allo scioglimento a causa del deficit finanziario che si trascina, aumentando, da decenni. Oltre sette milioni di euro pare siano dovuti all’Automobile Club d’Italia che già da tempo avrebbe avuto obbligo di proporre la liquidazione coatta amministrativa al Ministero vigilante. Se ciò non è accaduto è perchè dall’estate del 2017 era maturata la prospettiva di poter recuperare una parte del credito attraverso l’acquisizione dell’unico patrimonio del quale dispone l’AC palermitano, ovvero il marchio “Targa Florio” valutato 6,1 milioni di euro.
Targa Florio, affare fatto…
La compravendita – nonostante l’opinione pubblica contraria – si sarebbe già conclusa se non fosse intervenuta la Regione Siciliana che attraverso l’Assessorato ai Beni Culturali pose il vincolo della Soprintendenza a tutela del marchio e delle attività direttamente ed indirettamente collegate alla Targa Florio.

Il vincolo che avrebbe dovuto impedire anche la vendita (così come aveva dichiarato l’Assessore Samonà) in realtà non prevedeva questa limitazione tanto che le parti sono andate avanti lo stesso verso la “chiusura” dell’affare. Aci avrebbe ridotto di 4 milioni il debito di Aci Palermo (il resto era previsto sarebbe stato pagato “in comode rate” nell’arco di 30 anni). Ciò perchè ACI deve recuperare anche i due milioni di euro spesi per sostenere l’organizzazione del rally e dell’edizione classica negli ultimi anni. Seppure non sono mancati gli introiti di sponsor (soprattutto per l’edizione n. 100), iscritti, e contributi pubblici.
Alberto samonà …anzi no!

Lette però le norme che regolano il vincolo, a Roma si sono resi conti che queste erano troppo stringenti e non consentivano la necessaria autonomia che richiede l’organizzazione di una manifestazione complessa come una corsa automobilistica.
A poco quindi è valso il nulla osta che AC Palermo aveva intanto ricevuto dagli organismi regionali per poter vendere il marchio Targa Florio. Nel corso di in un incontro presso la sede dell’ACI a Roma nello scorso luglio, con il vicePresidente della Regione Gaetano Armao e l’Assessore ai Beni Culturali Alberto Samonà, il Presidente dell’ACI Angelo Sticchi Damiani aveva chiesto modifiche al regolamento. Preso atto però che nulla è cambiato ACI avrebbe deciso di rinunciare all’acquisto.

Le conseguenze del mancato acquisto della Targa Florio
Sfumato l’affare l’Automobile Club Italia si ritrova costretto a procedere verso la proposta di liquidazione dell’AC proviciale a causa del deficit di bilancio che ancora di più risulta insanabile. In via delle Alpi arriverebbe un liquidatore, il quale dovrà disporre anche il destino del patrimonio dell’ente. Ovvero della Targa Florio. E anche se finisse nella disponibilità della sede centrale resterebbe lo stesso il nodo delle “limitazioni” del vincolo. Quindi in Via Marsala a Roma potrebbero non sapere cosa farsene della Targa Florio (soprattutto del rally, temono gli appassionati) con questi condizionamenti.
Cosa si può fare? Chi può fare qualcosa?

A questo punto solo la Regione Siciliana può salvare la situazione. E anzi trasformare un grave problema in una straordinaria opportunità. Potrebbe esserci una soluzione per mettere al sicuro per sempre la Targa Florio ed evitare l’ulteriore impoverimento economico, sociale, storico e culturale della Sicilia. Ovvero l’acquisto del marchio da parte della Regione, per poi darlo in gestione – onerosa – allo stesso ACI. Ch’è l’unico soggetto in grado di assicurare la continuità della gara e soprattutto offrire prospettive concrete di sviluppo e crescita.

Aci è ora disponile alla gestione invece dell’acquisto
Ente che adesso, per voce del suo Presidente (incontrato lo scorso 27 gennaio), si dice disponibile a questa soluzione. Ed i 6,1 milioni potrebbero rientrare per intero nell’arco – per esempio – di 20 anni (ipotizzando un canone annuale di 300mila euro), per trasformarsi poi in una vera e propria rendita per le casse della Regione. Certo per definire questa eventualità la Regione se da un lato dovrebbe ammorbidire i vincoli per favorire la gestione (fermo restando la difesa della territorialità e di tutti i paletti opportunamente fissati dalla Soprintendenza), dall’altro dovrebbe pretendere dall’ACI vantaggi concreti per l’Isola e l’economia di questa.

Per esempio la disputa qui in Sicilia – magari ad anni alterni con la Sardegna – della prova mondiale rally (che genera un indotto milionario). Ipotesi però sulla quale Sticchi Damiani non è affatto possibilista (mentre resta l’apertura ad una eventuale rievocazione dell’edizione di velocità che SM aveva “lanciato” anni addietro prima che le strade del piccolo circuito crollassero travolte dall’incuria). Ma se “affare” dev’essere, dev’esserlo per entrambe le parti: i soci dell’Automobile Club d’Italia ed i siciliani.
Appello alla politica regionale
Il Presidente dell’ARS Gianfranco Miccichè, il Governatore della Regione Nello Musumeci, il vice-Presidente ed Assessore al Bilancio Gaetano Armao (che in un precedente Governo come Assessore ai Beni Culturali inserì la Targa Florio fra i beni immateriali), l’attuale Assessore ai Beni Culturali Alberto Samonà e con loro tutti i Deputati dell’ARS, prendano in seria considerazione la situazione. Incontrino intanto i vertici dell’ACI nazionale e provinciale per verificare esattamente la situazione e gli spazi di manovra.

Targa Florio, adoperarsi per una soluzione
Perchè un’altra soluzione – forse – potrebbe essere quella che ACI il canone annuale di locazone lo riconosca all’AC Palermo a deconto del proprio credito. Nel tempo rientrerebbe dell’intera somma vantata fra debiti e somme anticipate per mantenere in vita la gara. Resterebbe in ogni caso da sciogliere il nodo delle stringenti norme del vincolo che – previa attenta verifica – potrebbe essere opportuno rendere meno rigide. A patto che la Sicilia ed i siciliani ne ottengano una contropartita in termini di opportunità di lavoro e di sviluppo. AC Palermo non è nelle condizioni di trattare con l’ente al quale è federato. Necessita di uno sponsor, di un garante, di un avallo. Chi meglio della “Regione”?

Non riusciamo ad immaginare nulla di diverso. Non possiamo credere che dopo 115 anni e 104 o 105 edizioni con la prossima, la Targa Florio che non è solo la gara più antica del mondo debba fermare qui ed in maniera così ingloriosa la propria corsa nel tempo. Per un braccio di ferro e posizioni contrapposte (comprese quelle di chi scrive e quindi della nostra testata) che si protae da anni ma che alla fine avrà solo dei vinti e nessun vincitore. Perchè – in ordine inverso di importanza per la collettività – scomparirà l’AC Palermo, ACI si ritroverà un marchio parzialmente inutilizzabile e che forse metterà da parte, ma la Sicilia sarà ancora più povera.

Davvero non siamo capaci tutti insieme di evitare questo scempio?


























Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
informativa sulla privacy
Per qualsiasi richiesta di informazioni effettuata tramite questo sito si considerano valide le informazioni sotto riportate
Dati personali relativi agli utenti (art. 13 D.Lgs. 196/2003)
Gentile utente, nel ricordarle che siamo a Sua disposizione per ogni ulteriore delucidazione, in relazione ai dati personali a noi necessari per poter dare esito alle Sue richieste e nel rispetto di quanto previsto dal Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali), in particolare dagli artt. 13 (Informativa) e 23 (Consenso), Le forniamo le seguenti informazioni:

Durante la registrazione all´utente sono richiesti dati personali.

I dati vengono archiviati in una banca di dati e trattati secondo l´art. 7 - Codice in materia di protezione dei dati personali - Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

FINALITA´ DELLA RACCOLTA E TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
I Suoi dati vengono raccolti per poterla contattare in caso di problemi, per poterle inviare informazioni generiche, comunicazioni di aggiornamenti ed eventuali preventivi.

DIRITTI DELL´INTERESSATO - UTENTE
In base a tale articolo l´utente ha il diritto di ottenere:
- l´aggiornamento, la rettifica e l´integrazione dei dati che lo riguardano;
- la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge,
- l´interessato ha il diritto di opporsi in tutto o in parte per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, sebbene pertinenti allo scopo della raccolta;
- ha il diritto di opporsi al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
- la conferma o meno di dati che La riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile;
- l´indicazione dell´origine dei dati personali, delle finalità e modalità di trattamento, della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l´ausilio di strumenti elettronici, degli estremi identificativi del titolare e del responsabile e dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili o incaricati;
MODALITA´ DEL TRATTAMENTO
I dati personali oggetto di trattamento sono
- trattati in modo lecito e secondo correttezza
- raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi, ed utilizzati in altre operazioni del trattamento intermini compatibili con tali scopi;
- esatti e, se necessario, aggiornati;
- pertinenti, completi e non eccedenti rispetto alle finalità per le quali sono raccolti o successivamente trattati;
- È prevista l´adozione di ogni misura idonea a garantire la riservatezza e la sicurezza dei Suoi dati personali che, unitamente alla richiesta formulata, giungeranno sotto forma di mail ai nostri indirizzi info@racingpress.it. I suoi dati potranno essere mantenuti nei nostri archivi per comunicazioni future.
- conservati in una forma che consenta l´identificazione dell´interessato per un periodo di tempo non superiore a quello necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti o successivamente trattati.

AMBITO DI COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE DEI DATI
- I dati da Lei forniti saranno trattati esclusivamente da personale esplicitamente incaricato con strumenti automatizzati e potranno essere comunicati a terzi solo nel caso in cui ciò sia necessario per la fornitura del servizio e/o del prodotto richiesto.
- I dati possono essere accessibili da amministratori ed utenti gestori del sito internet

MISURE DI SICUREZZA
I dati personali oggetto di trattamento sono custoditi e controllati, anche in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico, alla natura dei dati e alle specifiche caratteristiche del trattamento, in modo da ridurre al minimo, mediante l´adozione di idonee e preventive misure di sicurezza, i rischi di distruzione o perdita, anche accidentale, dei dati stessi, di accesso non autorizzato o di trattamento non consentito o non conforme alle finalità della raccolta.

NATURA DEL CONFERIMENTO E CONSEGUENZE DI UN EVENTUALE RIFIUTO DI RISPONDERE
Il conferimento dei Suoi dati (limitatamente ai dati richiesti come obbligatori) è obbligatorio poiché, in mancanza, potrebbe risultare pregiudicata la possibilità di recapitaLe una risposta. Gli ulteriori dati (i dati opzionali) sono facoltativi ed il loro mancato conferimento non inficia la possibilità di ottenere risposta da parte nostra.

Per maggiori informazioni visita il sito del garante per la protezione dei dati personali:
Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 - Codice in materia di protezione dei dati personali
(http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?ID=1042761 ). Questo riportato è l´indirizzo controllato in data 28/11/2008 se successivamente variato, non è di nostra competenza, ti consigliamo di cercare sul sito del Garante della Privacy e/o sul sito della Guardia di Finanza.

Titolare del trattamento di dati personali è Racing Press di Paolo Mattiazzo, via Ussi, - 50018 Scandicci (FI) - tel. 055254690, e-mail: info@racingpress.it. Responsabile designato è Paolo Mattiazzo.
Per ulteriori informazioni: info@racingpress.it
torna indietro leggi informativa sulla privacy  obbligatorio